Chelsea 1997-1999: The Italian Job

Making of The Italian Job

Il Chelsea vincitore della FA Cup nella stagione precedente, ha una squadra costruita dall’allenatore-giocatore olandese Ruud Gullit, che ha portato nella capitale britannica campioni di fama internazionale, sfruttando le proprie conoscenze: in questa compagine ci sono tre giocatori italiani, Gianluca VialliRoberto Di Matteo e Gianfranco Zola. Gullit nell’estate del ’97 riparò i danni difensivi prendendo il connazionale De Goey dal Feyenoord e aggiunse qualità alla rosa con gli innesti del giovane attaccante norvegese Tore André Flo e il centrocampista uruguayano Gustavo Poyet, un’incontrista che rivelò di avere confidenza con il gol. Gli altri acquisti furono Babayaro, il ritorno di Graeme Le Saux e i prestiti dei francesi Lambourde e Charvet.

Il Chelsea festeggia la Coppa delle Coppe (alextube.altervista.org)
Il Chelsea festeggia la Coppa delle Coppe (alextube.altervista.org)

Il Chelsea dopo la sconfitta casalinga nella prima di campionato, fece un avvio esplosivo e alternando vittorie a sconfitte, si portò con costanza tra le prime tre in gennaio ’98. Il mese successivo fu tribolato per il blues, che dopo essere usciti dalla FA Cup contro lo United, rischiavano di capitolare anche in Coppa di Lega: a questi si aggiunsero i dissidi con la dirigenza che portarono all’esonero e l’addio al calcio del trainer olandese a favore di Vialli, che ricoprì lo stesso ruolo. L’attaccante italiano si trovò più a suo agio in coppa che in campionato, riuscendo a rimontare l’Arsenal a febbraio in Coppa di Lega, primo trofeo che conquistò a marzo contro il Boro a Wembley (2 a 0, reti di Sinclair e Di Matteo). Vialli ha condotto i blues alla vittoria della Coppa delle Coppe, fermando la corsa del Real Betis e il sogno del Vicenza, trionfando nella finale di Stoccolma contro lo Stoccarda (1 a 0, Zola). Il Chelsea terminerà il campionato in 4a posizione.

Making of… Vialli’s Era

Chelsea 1997-1999: The Italian Job ultima modifica: 2017-05-15T15:50:07+00:00 da magliecalciovintage
Condividi:

    Lascia un Commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicata.*